fbpx
Corso per Baby Sitter: per non essere una tata “improvvisata”

Corso per Baby Sitter: per non essere una tata “improvvisata”

Sei una baby sitter “improvvisata”? Hai scelto questa professione per permetterti gli studi o altre attività? Hai una passione per i bambini? Qualunque sia il motivo che ti spinge a questo lavoro la formazione è indispensabile. Con un corso per baby Sitter avrai maggiori gratificazioni, ti sentirai sempre a tuo agio e probabilmente guadagnerai di più.

 

In Italia non è necessario possedere alcun titolo specifico per essere una Baby Sitter. Eppure, avere seguito un corso per Baby Sitter porta ad avere  dei vantaggi.  Anzitutto sarà più facile per te trovare lavoro in quanto qualificata in questo ruolo, saprai riconoscere la situazione ideale dove svolgere il tuo lavoro e, in fase di trattativa avrai un maggiore potere contrattuale rispetto a chi non ha alcuna preparazione specifica.

Partiamo dal curriculum vitae, sicuramente ne avrai preparato uno che è anche la prima cosa che leggono di te le famiglie quando cercano una nuova baby sitter.

I diplomi e la certificazione di aver conseguito un corso per baby Sitter faranno sicuramente una bella figura sul tuo curriculum dandoti una maggiore professionalità.

Poiché in questo settore non esistono titoli di studio obbligatori il percorso di formazione di una baby sitter non è standard ma può essere costituito da studi diversi.

corso per baby sitter 4

Corso per baby sitter:  in aula oppure on line 

In questi ultimi anni si è verificato un proliferare di corsi, specialmente nelle maggiori città italiane. Questi si rivolgono a studentesse o donne non lavoratrici che hanno del tempo a disposizione e che in questo modo vogliono migliorare la loro expertise

In  molte città d’Italia sono le stesse agenzie che organizzano corsi specifici per diventare baby sitter professioniste.

In altri casi, questi corsi sono disponibili anche on line con tutti i vantaggi del caso.

Di solito un corso per Baby Sitter si articola in 5 punti:

  • Definizione del Profilo Professionale. (Definizione del ruolo professionale, il primo colloquio con la famiglia, le responsabilità e i compiti della Baby-sitter, come comportarsi, privacy e la deontologia professionale)
  • Processi comunicativi e dinamiche relazionali: (Comunicazione verbale, non verbale, la relazione con la famiglia, la relazione con i bambini,  la comunicazione efficace con i bambini e sapere entrare e uscire dalla relazione)
  • Psicologia dell’età evolutiva (Le trasformazioni biologiche, la maturazione delle funzioni psichiche, le tappe dello sviluppo delle abilità motorie, visive, percettive e linguistiche.
    Lo sviluppo emotivo, psicologico, affettivo e sociale)
  • Puericultura, Alimentazione e Igiene ( igiene e accudimento, allattamento materno e artificiale, il cambio del pannolino, la pulizia, il bagnetto, come vestirlo, come maneggiarlo
    Svezzamento e alimentazione, i rituali per addormentarsi)
  • Primo Soccorso Pediatrico e Malattie dell’Infanzia (prevenzione incidenti domestici
    gestione urgenza ed emergenza, traumi e cadute, soffocamento, ustioni, avvelenamenti
    Respirazione artificiale e massaggio cardiaco, somministrazione dei farmaci, malattie più frequenti dell’infanzia)

Come vedete gli argomenti di un corso per Baby Sitter sono tanti e tutti importanti.

Tuttavia dei cinque punti, l’ultimo – quello sul Primo Soccorso Pediatrico – merita attenzione.

La sicurezza rappresenta infatti  la preoccupazione principale per il genitore che ti affida il suo bambino. Quindi frequenta almeno un corso di pronto soccorso pediatrico. Anche, ma non solo, per la tua sicurezza.

Su questo portale è disponibile il corso on line con rilascio di certificazione al termine, che ti sarà utilissimo sia per conoscere tutte le manovre salva vita che possono essere applicate in caso di emergenza, sia per avere un certificato da inserire nel tuo curriculum, per dimostrare ai genitori del bambino che hai seguito un corso per baby sitter e che quindi non sei una che si improvvisa una professione.

 

 

 

Lascia un commento